CONTATTI

+39 06 59877542

info@citiesartprojects.it

CF 96421500586

Rome

 

 

 

 

© Copyright – Cities Art Projects

BULLSTOP

Il progetto BULLSTOP. curato da dall’Associazione CAP – Cities Art Projects e ideato con l’artista di origine spagnola Marina Angeles Vila Tortosa, ha come obiettivo di attivare una riflessione da parte dei giovani sulle dinamiche alla base del bullismo e delle conseguenze che questo fenomeno ha nei confronti di chi lo subisce.

Lo scopo del progetto BULLSTOP. è di agire su alcune componenti particolari del bullismo o cyberbullismo, costruendo al contempo dinamiche relazionali positive che portino alla comprensione del fenomeno da parte degli adolescenti.

Il progetto è rivolto agli studenti di due scuole medie, localizzate in due diversi quartieri di Roma. L’IC Antonio Gramsci si trova nel Municipio XI, mentre l’IC Montessori – M.C. Pini ha la sua sede nel Municipio II. La scelta di coinvolgere due scuole distanti è stata dettata dalla volontà di attivare anche delle sinergie proficue tra i ragazzi che provengono da territori diversi con necessità diverse ma con disagi emotivi e relazionali simili.

La creatività

La componente fondamentale che entra in gioco durante gli incontri creativi è lo sguardo, l’azione del vedere e guardare.

Con l’artista Maria Angeles Vila Tortosa si intendono coinvolgere gli adolescenti attraverso la pratica artistica della fotografia e successivamente della stampa. Partendo dall’utilizzo e dalla comprensione del meccanismo della macchina fotografica analogica, si propone agli studenti un “cambio di luce”, un ribaltamento della visione.

Attraverso la tecnica della fotografia che impiega l’occhio come mezzo per osservare gli altri, si apprende un sistema per osservare sé stessi e gli altri senza pregiudizi e sovrastrutture, applicando una metodologia che si concentrerà maggiormente sulla costruzione della visione e non sul soggetto come elemento su cui direzionare le nostre pulsioni aggressive.

L’artista utilizza con gli studenti la tecnica della stampa per la realizzazione di un racconto visivo che offre gli strumenti per creare dei ritratti collettivi sull’argomento della discriminazione, bullismo e del cyberbullismo. Gli elaborati vengono condivisi in un’installazione con l’intera scuola nell’ultima fase del progetto.

La consapevolezza e lo scambio

Durante un incontro con gli studenti la psicologa e psicoterapeuta Silvia Andreoli guida i ragazzi a riflettere sulla parola “diversità”‘, su cosa significhi essere diverso. Attraverso un focus sull’etimologia stessa della parola dal latino diversus letteralmente “volto altrove”, participio passato di divèrtere, si intende evidenziare come i termini DIVERSO e DIVERTIRE abbiano in comune la stessa radice.

Contemporaneamente realizza un incontro con le famiglie degli adolescenti per parlare di discriminazione, bullismo e cyberbullismo. Questo incontro intende sensibilizzare anche le famiglie sulla tematica delicata e spesso non adeguatamente affrontata dal mondo degli adulti.

Infine, insieme con la psicologa, i ragazzi dei due Istituti sono accompagnati e coinvolti in un percorso di scambio intellettuale. Questo momento prevede la realizzazione con gli studenti di un laboratorio di scrittura creativa che culmina nella scrittura di un racconto, di una storia incentrata sull’accettazione delle diversità e sulla lotta alle discriminazioni di ogni genere.

Evento finale

BULLSTOP. è stato realizzato grazie alla vittoria dell’avviso pubblico “per la realizzazione di iniziative sportive e culturali per gli studenti del sistema scolastico e del sistema IefP del Lazio” giunto alla sua seconda edizione
Il progetto è finanziato dal Programma Fondo Sociale Europeo Plus (FSE+) 2021-2027 Obiettivo di Policy 4 “Un’Europa più sociale” Regolamento (UE) n. 2021/1060 Regolamento (UE) n. 2021/1057- Priorità “Istruzione e Formazione” – Obiettivo specifico f) promuovere la parità di accesso e di completamento di un’istruzione e una formazione inclusive e di qualità, in particolare per i gruppi svantaggiati, dall’educazione e cura della prima infanzia, attraverso l’istruzione e la formazione generale e professionale, fino al livello terziario e all’istruzione e all’apprendimento degli adulti, anche agevolando la mobilità ai fini dell’apprendimento per tutti e l’accessibilità per le persone con disabilità.

Photo Credits:

Bullstop., Courtesy CAP – Cities Art Projects © Paola Farfaglio

Contatti

+39 06 45425318

info@citiesartprojects.it

CF 96421500586

Rome

ENTRA NELLA COMMUNITY

Errore: Modulo di contatto non trovato.